Sintomi › Coliche

Dolore parossistico provocato dalla contrazione involontaria del tessuto muscolare liscio e caratterizzato da un andamento fasico.

La contrazione può interessare l’uretere(colica renale), il canale biliare(colica biliare o epatica),un dotto salivare (colica salivare),l’appendice(colica appendicolare), l’ovaio (colica ovarica), il pancreas(colica pancreatica).

Le coliche si accompagnano spesso a nausea e vomito, ed a dolore violento che si irradia dall’epicentro anche alle zone circostanti. Le coliche renali e biliari sono di norma provocate dal passaggio di calcoli.

COLICHE GASSOSE del lattante: riguardano circa il 10% dei bambini, insorgono di norma tra il 2° e il 3°mese ma possono presentarsi fin dai primissimi giorni ; tendono a manifestarsi soprattutto nel tardo pomeriggio. Sono dovute ad immaturità fisiologica del tratto intestinale o ad eccesso di fenomeni fermentativi, con eccessiva produzione di gas e conseguente dilatazione delle anse intestinali. Il bambino si presenta irritabile e piange estendendo gli arti inferiori; sono presenti meteorismo e flatulenza ; l’andamento degli spasmi può essere fasico o continuo: in quest’ultimo caso il bimbo può piangere anche per diverse ore. Il piccolo va rassicurato e passeggiato ritmicamente in posizione prona : può risultare utile l’azione spasmolitica dovuta alla somministrazione di bevande calde(camomilla,finocchio). Nei casi più refrattari è possibile, sotto stretto controllo del pediatra, una terapia di supporto con antimeteorici o procinetici. Prima di porre una diagnosi di colica gassosa è bene escludere una sintoma ologia dolorosa dovuta a stipsi ricorrente o intolleranza al latte adattato. In caso di allattamento materno è opportuno verificare le abitudini alimentari della mamma , evitando un eccessivo apporto di grassi e proteine del latte vaccino.

Per approfondimenti, su problemi medici clicca qui
info@medicinaweb.it
XHTML & CSS | Disclaimer | by Creso